Autore: Andrea Claudio Galluzzo Pagina 2 di 36

I delfini di Maiorca e la salvaguardia del mare

Enzo Maiorca, grande apneista italiano morto nel 2013 a 85 anni, immerso nel caldo mare di Siracusa parlava a poca distanza con la figlia Rossana che era sulla barca pronta anch’essa ad immergersi, all’improvviso si sentì colpire leggermente alle spalle, si girò e vide un delfino. Capì subito che l’animale non voleva giocare, ma esprimere qualcos’altro. Il delfino infatti si allontanò e Maiorca lo seguì a nuoto. Poi l’animale si immerse e lo stesso fece Enzo, a circa dodici metri di profondità impigliato in una rete di una spadara abbandonata c’era un altro delfino. 

Leggi tutto

Parte Guelfa celebra i novant’anni di Luciano Artusi

Il Console di Parte Guelfa Luciano Artusi, nato l’11 Gennaio 1932 a Firenze, compie novant’anni e tutti i membri dell’Arciconfraternita lo celebrano come un padre gentile e affezionato che vive la propria vita in simbiosi coi suoi figli. Studioso e divulgatore di storia fiorentina, è autore di infinite pubblicazioni sulle tradizioni maggiori e minori toscane e fiorentine per le quali ha ricevuto importanti riconoscimenti quali il 2° Premio Bancarella, il Perseo d’oro, il 2° premio Castiglioncello, il 2° premio San Giovanni di Dio, il Premio Firenze, il Fiorino d’oro, il Premio Filo d’Argento, il Premio Il Principe, il Premio Fiorentini nel Mondo per le arti letterarie, il Premio letterario Spiga d’Argento, il Premio Donatello, il Premio Vallombrosa e il Premio Camera dei Deputati Mario Conti. Luciano Artusi interpreta in pieno ed eprime al meglio lo spirito fraterno e lo sforzo per la custodia e la valorizzazione delle tradizioni di Parte Guelfa.

Leggi tutto

Gli auguri di Parte Guelfa a Franco Lucchesi

Franco Lucchesi, Cavaliere e Capitano Onorario di Parte Guelfa, compie ottanta anni e Parte Guelfa gli tributa sentiti auguri. Nato a Prato il 5 Gennaio 1942, è stato Magnifico Messere della Giostra del Giglio in Piazza Santa Croce il 30 Giugno 2018 ove ricevette anche l’investitura onoraria divenuta ordinaria due anni dopo in Palagio di Parte Guelfa. Franco Lucchesi, personalità di spicco nel panorama nazionale per il rilievo degli incarichi assolti nella sua lunga carriera professionale tra le quali emergono le presidenze dell’Automobile Club d’Italia, di Cinecittà International e dell’Opera di Santa Maria del Fiore e la vice presidenza della Federation Internationale de l’Automobile, contribuisce in maniera sostanziale alle sorti dell’Arciconfraternita di Parte Guelfa operando nel ruolo di Governatore per rendere concreti progetti necessari al compimento della missione di salvaguardia ambientale affidata a Cosimo I de’ Medici nel 1549 con la Legge dell’Unione.

Leggi tutto

La missione ambientale di Parte Guelfa nel 2022

Gli eventi di questi ultimi mesi fra i quali in particolare il rapporto del gruppo di ricerca dell’ONU sui cambiamenti climatici, che ha portato le prove di uno stato della terra come mai si è avuto da centinaia di migliaia di anni, e il Congresso internazionale di Glasgow che ha dimostrato l’impotenza dei governi ad affrontare la situazione, impongono di approfondire i significati, le responsabilità e i possibili compiti della nostra confraternita. Il protettore della Parte Guelfa è San Lodovico d’Angiò di stirpe regale che rinuncia ai suoi diritti di successione al trono di Napoli per mettersi sulle tracce di San Francesco d’Assisi e un genere più profondo di sovranità e regalità, un genere che può incarnare chiunque sia disposto ad avviarsi in una certa direzione. La traduzione nel nostro tempo del Cantico delle Creature di San Francesco fatta da papa Francesco nell’enciclica Laudato sì, rivolta a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, indipendentemente dal loro credo religioso, è un documento essenziale per ispirare e sviluppare le nostre responsabilità e i nostri compiti.

Leggi tutto

Parte Guelfa rende onore ad Aldo Conti

Il Cavaliere di Parte Guelfa Aldo Conti è tornato alla casa del Padre. Parte Guelfa piange la scomparsa di un vero gentiluomo sempre disponibile al servizio, un uomo di cavallo dal carattere pacato e dal volto sorridente. Nato a Firenze il 18 Aprile del 1949, risiedeva nella splendida cittadina maremmana di Montorgiali nel Comune di Scansano. Aldo era un Dragone di Parte Guelfa avendo partecipato con successo al primo Corso Dragoni organizzato per formare Confratelli e Consorelle alle attività di salvaguardia ambientale tenutosi presso le Scuderie di Parte Guelfa presso il Visarno. Le Dame e i Cavalieri tutti si stringono alla famiglia e piangono la grave perdita di un uomo di valore, di un amante della natura e dei cavalli che si era messo a servizio dimostrando vera umiltà e generosa disponibilità.

Leggi tutto

Parte Guelfa augura buon Natale

Calorosi Auguri di Buon Natale a tutti dai Confratelli e dalle Consorelle di Parte Guelfa, che ogni giorno si impegnano per la salvaguardia dell’ambiente e delle tradizioni.

Warm wishes for a Merry Christmas to all from the Brothers and the Sisters of the Parte Guelfa, who every day are committed to safeguarding the environment and traditions.

Leggi tutto

Parte Guelfa celebra l’anniversario della morte di Ugo di Toscana

Il 21 Dicembre del 1001 moriva il Marchese Ugo di Toscana, il “Gran Barone” lo definiva Dante nel canto XVI del Paradiso, rappresentandolo come colui che dopo la decadenza successiva alla caduta dell’Impero Romano riaffermò un importante ruolo per la città di Firenze. Ugo, figlio di Umberto di Toscana e di Willa, figlia del duca di Spoleto, secondo la tradizione, trasferì da Lucca a Firenze la sede del Marchesato, avendo il merito di trasformare Firenze, da piccolo borgo a importante città, tanto che i colori che si ritroveranno poi nello stemma fiorentino sono mutuati da quelli dello stemma dello stesso Ugo.

Leggi tutto

Parte Guelfa plaude alla Fondazione Mattei per l’Osservatorio sulla Transizione Ecologica

Parte Guelfa plaude alla Fondazione Mattei per la realizzazione  dell’Osservatorio sulla Transizione Ecologica che viene presentata il 1 Dicembre 2021 a Roma presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica. Pubblichiamo le parole del presidente Aroldo Curzi Mattei per la comprensione della rilevanza di questo evento: “Stiamo per fare il primo passo di un lungo percorso che ci proietterà nel futuro, ho molte persone da ringraziare le quali hanno contribuito con professionalità e competenza. Persone a cui riconoscere molto nell’aiutarmi a stendere questo progetto a tradurre e razionalizzare le mie visioni che saranno i pilastri su cui poggiare le basi di questa realtà che, spero, sarà un riferimento nel prossimo futuro”.

Leggi tutto

Fondatore

FONDATORE DI PARTE GUELFA

Beato Papa Clemente IV

L’Arciconfraternita di Parte Guelfa, Cavalleria della Repubblica Fiorentina, ha nel Beato Clemente IV, 183º Papa della Chiesa cattolica, il suo Fondatore. Nato Guy Le Gros Foulquois a Saint Gilles du Gard in Linguadoca intorno al 1200, fu in gioventù soldato e combatté contro i Mori, si diede quindi agli studi e si laureò in diritto civile, divenendo successivamente un celebre avvocato e giurista. Nel 1239 sposò la nobile figlia di Simon de Malbois, che gli diede molti figli. La moglie morì intorno al 1250, quando erano ancora in vita soltanto due figlie femmine, Mabilie e Cécile. Rimasto vedovo, Guy decise di consacrarsi e nel 1255 divenne sacerdote. Data la sua notorietà ebbe una fulminea carriera ecclesiastica e fu nominato vescovo di Puy nel 1257 ed arcivescovo di Narbona nel 1259. Negli stessi anni divenne anche fidato consigliere di re Luigi IX e di papa Urbano IV, che nel 1261 lo creò cardinale vescovo di Sabina. Legato pontificio in Inghilterra per una difficile mediazione tra Enrico III ed i suoi baroni e la Chiesa locale, era in viaggio nel febbraio 1265 quando, morto Urbano IV, il Collegio cardinalizio, riunito a Perugia, lo elesse Papa, forse per assecondare Luigi IX o, più probabilmente, per affidare ad un uomo abile ed esperto la guida della Chiesa in un momento di grande difficoltà. Guy lasciò la Francia per recarsi a Roma. Clemente IV fu papa per circa 45 mesi: un tempo più che sufficiente, in un’epoca in cui i pontificati erano spesso più brevi, per lasciare una traccia importante nella storia della Chiesa. Si distinse per severa austerità, nonché per estremo rigore morale ed assoluta onestà, tutte qualità non frequenti negli ecclesiastici del tempo. Va ricordato, ad esempio, come Clemente IV non si sia macchiato di alcuna forma di nepotismo, non creando cardinali durante il suo pontificato, ed abbia duramente combattuto la corruzione. Governò le vicende interne della Chiesa con fermezza e determinazione, sostenendo la necessità che i benefici ecclesiastici fossero riservati alla Santa Sede e finendo per essere indicato come il vero fondatore della fiscalità pontificia. Nel 1266 approvò l’istituzione della Parte Guelfa di Firenze in riconoscenza della determinante partecipazione della cavalleria guelfa fiorentina a fianco di Carlo I d’Angiò nella Battaglia di Benevento del 26 febbraio 1266 e concesse al Console dei cavalieri di Firenze il privilegio di fregiarsi del proprio stemma d’argento all’aquila di rosso brancante un drago verde. Morto improvvisamente il 29 novembre 1268 a Viterbo, ove sin dai primi tempi del suo pontificato aveva trasferito la corte papale per sfuggire alla corruzione dell’ambiente romano, venne beatificato l’8 giugno 1864 da Pio IX.

Papa Clemente IV dona l`arme pontificia a Console, Capitani e Cavalieri di Parte Guelfa. Giorgio Vasari e Prospero Fontana, Salone dei Cinquecento, Palazzo Vecchio, Firenze

Stemma araldico di Papa Clemente IV

 

 

Parte Guelfa commemora a Viterbo il pontefice fondatore beato Clemente IV

Nella basilica minore di San Francesco alla Rocca di Viterbo, ove riposano spoglie mortali, si è tenuta la Santa Messa di commemorazione del beato Clemente IV, papa, al secolo Guido Folques, quivi deceduto il 29 Novembre del 1268. Le sue insegne araldiche, da lui stesso donate ai Cavalieri di Parte Guelfa quale tributo di riconoscenza all’indomani dell’epica vittoria di Benevento nel 1266 al fianco di Carlo d’Angiò, sono così simbolicamente ritornate al suo sacro cospetto. Cerimonia solenne quella del 29 Novembre, in quanto coincidente con la celebrazione di tutti i santi appartenuti all’Ordine Terziario Francescano e il contestuale rinnovamento dei voti da parte dei Frati Minori.

Leggi tutto

Parte Guelfa timbro black

PARTE GUELFA
Cavalleria Repubblica Fiorentina

Palagio dei Capitani di Parte Guelfa
Piazza di Parte Guelfa 1 - 50123 Firenze
Codice Fiscale 94247160487

Contattaci  |  Privacy  | Cookies | Copyright © 1266 - 2020 YOUR NET SOLUTION -Tutti i diritti riservati

Instagram
RSS