parte guelfa definitivo per sfondi bianchi 

Regolamento Disciplinare e Codice Deontologico
per gli appartenenti all’Arciconfraternita

 

Firenze, 25 Marzo 2016

Le regole sono “scelte di libertà” che ciascuno assume per rendere esplicita una appartenenza, una scelta di vita. La nostra Arciconfraternita di Parte Guelfa ha in sé lo stigma di una regola autoimposta, quello della fratellanza e dell’impegno gratuito e responsabile nel rispetto dello statuto in vigore.

Tuttavia sono i destinatari stessi delle nostre attività di volontariato che hanno il diritto di conoscere le modalità con cui tutti gli appartenenti all’Arciconfraternita svolgono il proprio ruolo ed è nostra precisa responsabilità farci riconoscere dalle Istituzioni, in quanto realizziamo servizi a loro favore come indicato con chiarezza nel nostro statuto e lo facciamo attraverso il nostro peculiare “stile guelfo”.

Per questi motivi il Consiglio di Credenza ha predisposto il codice deontologico e disciplinare interno, approvato in data 24 Febbraio 2016 con Delibera del Consiglio di Credenza.

Obiettivo del presente “codice” è quello di ricollegarsi ai principi statutari, interpretandone lo spirito e traducendo in pratica le radici della nostra antica magistratura oltre a quello di regolamentare la nostra proiezione all’esterno attraverso la comunicazione, in senso lato, per presentare le nostre attività e promuovere, con l’immagine, i nostri obiettivi e valori.

È il nostro vademecum per sentirci partecipi e fraternamente uniti in una proposta d’impegno che deve essere una ricchezza per tutti: per coloro che hanno scelto di essere parte integrante della nostra Arciconfraternita, per il Comune di Firenze, l’Arcidiocesi e le altre Chiese della comunità cristiana di Firenze che hanno permesso e promosso la nostra ricostituzione.

 

CODICE DEONTOLOGICO E DISCIPLINARE


L’Arciconfraternita di Parte Guelfa è fondata sul servizio volontario e gratuito da prestare al Comune di Firenze, all’Arcidiocesi ed alle Chiese cristiane di Firenze. La forza della Parte Guelfa risiede nella capacità di intercettare e rispondere ai molteplici bisogni, mobilitando i suoi volontari in varie situazioni sotto il coordinamento degli organi interni.

 

I PRINCIPI FONDAMENTALI

Fraternità

Rispetto reciproco e verso i terzi

Gratuità del servizio

Attività coordinata degli organi predisposti

Neutralità politica e ideologica

Indipendenza

 

PREMESSE


Finalità
– Il presente Codice intende puntualizzare gli elementi del quadro etico e comportamentale che deve guidare ogni Confratello e Consorella nell’esercizio delle proprie funzioni nella vita di ogni giorno e, a maggior ragione, quando opera per conto della Parte Guelfa, informandolo della condotta da tenere.

Campo di applicazione – Il presente Codice si rivolge a tutti gli aderenti ed a tutti coloro che, comunque, agiscono sotto il nome della Parte Guelfa qualsiasi sia il ruolo ricoperto.

Applicazione – il buon senso di ognuno e di tutti e la conoscenza delle profonde motivazioni che muovono le attività della Parte Guelfa sono indispensabili per l’applicazione efficace del Codice.

 

REGOLE GENERALI


Verranno applicate le istruzioni e le regole deontologiche stabilite nel presente Codice ogniqualvolta il comportamento tenuto al di fuori e/o nello svolgimento delle attività della Parte Guelfa abbiano determinato o possano determinare un danno materiale e/o di immagine all’Arciconfraternita stessa.

 

 RESPONSABILITÀ DELL’ARCICONFRATERNITA VERSO GLI ADERENTI


La Parte Guelfa ha il compito di:


Incoraggiare
lo spirito fraterno e di volontariato;

Fare in modo che ogni aderente si senta il benvenuto e garantirne l’integrazione nella vita dell’Arciconfraternita;

Insistere sull’importanza della collaborazione per poter raggiungere i fini statutari;

Assicurare l’orientamento di aspiranti e confratelli e dare le disposizioni necessarie alla loro formazione progressiva, affinché possano svolgere in modo adeguato compiti che verranno loro assegnati;

Identificare i bisogni, trovare le risposte necessarie e elaborare programmi ai quali i confratelli possano partecipare;

Fornire ai confratelli la documentazione necessaria per tenersi aggiornati regolarmente sulle questioni concernenti la Parte Guelfa anche attraverso gli strumenti informatici e media disponibili;

Consegnare, anche su supporto informatico agliaderenti il testo del presente Codice di deontologia.

 

DIRITTI DEGLI ADERENTI


I rapporti tra l’Arciconfraternita e gli aderenti sono regolati dalle disposizioni dello Statuto e dal presente Codice.


Compiti
– il Confratello ha il diritto di aver assegnati dei compiti e delle responsabilità che corrispondano alla sua indole, alla sua disponibilità ed alla sua preparazione;

Uguaglianza – il Confratello ha diritto ad essere trattato, in ogni circostanza, in modo equo, indipendentemente dalla razza, dalle sue convinzioni politiche, filosofiche;

Libertà d’espressione – la libertà d’espressione è un diritto fondamentale di ogni Confratello. Anche le critiche costruttive, infatti, trasmesse tramite i canali interni appropriati, contribuiscono al dinamismo interno dell’Arciconfraternita. Per quanto concerne le dichiarazi